Isolamento termico

La temperatura ideale
tutto l’anno

Quando parliamo di isolamento termico di un edificio facciamo riferimento all'utilizzo di tutte quelle soluzioni tecnologiche e costruttive da adottare in modo da ridurre le perdite di calore verso l'esterno durante la stagione invernale e l'ingresso del calore in casa durante la stagione estiva. L’isolamento può avvenire tramite due tecniche: cappotto e insufflaggio

Risparmio economico

grazie alla riduzione della dispersione del calore 

Riqualificazione degli immobili

si ottiene un’importante riqualificazione degli immobili sia energetica che estetica

Riduzione delle emissioni nocive

riducendo sensibilmente i consumi di combustibile da fonte fossile, l’isolando contribuisce alla riduzione delle emissioni di sostanze nocive ed inquinanti

Vantaggi

Affidabilità: servizio di pronto intervento e reperibilità H24

Sicurezza: piani di manutenzione definiti sulle esigenze del cliente

Connettività le centrali sono tele-controllate dalle sale operative ENGIE

Ottimizzazione consumi garantita

Soluzione efficiente ed economicamente vantaggiosa per ridurre gli sprechi energetici. Consiste nell’applicazione di un rivestimento isolante sulla parte esterna della tua casa.

Questa tecnica permette di evitare le dispersioni di calore (“ponti termici”), di ridurre gli effetti provocati dalle rapide variazioni di temperatura esterna, evitando fenomeni di condense e muffe. Su tutta la superficie dell’edificio, infatti, vengono applicati pannelli ad alta densità, a cui viene accoppiato un materiale isolante come la fibra di legno, la lana di vetro, il sughero, il polistirene espanso o simili.

Un corretto isolamento termico a cappotto garantisce il mantenimento costante della temperatura sia d’inverno sia d’estate. Il risparmio energetico che si ottiene con l’utilizzo di questa tecnologia è significativo (supera il 35-50%), soprattutto se il materiale isolante applicato supera i 10 cm di spessore.

L’insufflaggio è un sistema di posa che permette di isolare, dal punto di vista termico e acustico, edifici in costruzione o esistenti (pareti, solette, controsoffitti e coperture).

I materiali impiegati sono la fibra di cellulosa in fiocchi, il sughero granulare, il polistirene espanso in perle, la perlite, la lana di roccia o di vetro. L’insufflaggio è particolarmente consigliato per il miglioramento delle prestazioni termiche degli edifici sia in inverno che in estate, in quanto consente di abbattere i costi energetici da riscaldamento e da condizionamento, agendo in maniera diretta sulla dispersione di calore che avviene attraverso le pareti non isolate.

La tecnica adottata prevede l’esecuzione, sulle pareti perimetrali, di piccoli fori di 35 mm di diametro. I fori possono essere eseguiti, a seconda delle esigenze, all’interno o all’esterno dell’edificio e permettono il completo riempimento dell’intercapedine. La pressione esercitata dalla macchina insufflatrice, consente di rendere il materiale isolante compatto e stabile all’interno della muratura.